Enter your title here
Enter your text here


Gazza Massera Architetti

 

Il progetto prevede il recupero di un edificio dismesso per destinarlo a sede di un importante consorzio di produttori di derivati alimentari. Il tema è stato declinato in due questioni specifiche: la funzionalità operativa e la rappresentazione dell’identità del brand. La funzionalità è stata fatta corrispondere a gradi di prossemicità delle postazioni di lavoro, dimensionando gli spazi lavorativi alle tipologie lavorative, a partire dalle celle per impieghi strutturati e mansioni che richiedono concentrazione, agli open space per procedure a progetto e gradi di creatività, alle sale riunioni interne o per convocazioni più complesse, fino a una capillare distribuzione di luoghi di ricreazione. L’identità si è voluta mostrare allestendo una piccola esposizione che si snoda dall’atrio agli ambienti lavorativi open del piano terra, in cui vengono mostrati oggetti che narrano la tradizione e l’innovazione dell’azienda.

La distribuzione ha posto l’accento sul vuoto tra i due corpi esistenti destinati agli uffici, strallando le due sale riunioni principali e distorcendo il percorso di accesso in modo da generare spazi di incontro articolati. L’esterno è stato conservato ad eccezione della sostituzione della copertura vetrata con una struttura più performante e l’inserimento di un portale atto ad individuare il percorso di accesso oltre ad assolvere la funzione di insegna dello stabilimento.

Una rinnovata concezione dell’ambiente di lavoro attenta alla qualità dei rapporti interpersonali, del benessere microclimatico, ai valori di sostenibilità ambientale, capace di sfruttare le possibilità fornite dalle nuove tecnologie è stata perseguita nello svolgimento del progetto.

Proposta progettuale, 2008, Rivarolo del Re, Italia

consorzio casalasco

Enter your title here
Enter your text here